Mafia Capitale, lo show di Massimo Carminati al processo

Lo show di Massimo Carminati al processo di Mafia Capitale.

L’ex Nar Carminati parla per la prima volta nella sua storia processuale. E’ accusato di associazione per delinquere di stampo mafioso ed è detenuto al 41 Bis nel carcere di Parma dal 2 dicembre 2014.

Per Massimo Carminati: “Il mondo di sotto funziona molto meglio di quello di sopra ed è molto più semplice. Al Comune di Roma sono dei truffatori.

Ci hanno dato dei lavori sapendo già che non ci avrebbero pagato. Se avessi conosciuto Lucarelli e il Sindaco Alemanno, del quale non ho nessuna stima, sarei andato a buttargli giù la porta con un calcio visto che non ci pagavano”.

“Nel mondo di sotto la gente paga, in quello di sopra sono truffatori. Una considerazione forse eccessivamente benevola del mondo di sotto”.

Continua Carminati: “M’ha difeso il Ministro Minniti dall’accusa di essere nei servizi segreti o avere collusioni nelle forze dell’ordine, come meglio potrei smentire questa accusa? Per me è un’offesa essere tacciato di avere contatti o di essere nei servizi. Mi tocca difendere i poliziotti di Ponte Milvio che sono accusati di avermi dato informazioni solo perché sono venuti al distributore di Corso Francia”.

Eleonora Gitto

Giornalista pubblicista, collabora al portale fornendo agli utenti e lettori, una panoramica delle notizie legate al mondo della politica italiana ed internazionale. Cura anche la sezione dedicata all'attualità, notizie quotidianamente aggiornate sui principali avvenimenti mondiali e nazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *