Primarie di Genova, Grillo e Di Battista indagati per diffamazion
Politica italiana

Primarie di Genova, Grillo e Di Battista indagati per diffamazione

Grillo e Di Battista indagati per diffamazione per il caso primarie a Genova.

E’ l’effetto della querela presentata da Marika Cassimatis, che aveva vinto alle primarie 5 Stelle di Genova, ma poi è stata rimossa con atto unilaterale da Beppe Grillo, il quale è riuscito a far inserire poi un candidato suo fedelissimo.

E’ la storia antidemocratica e al limite dell’aberrazione mentale del famoso Fidatevi di me. Vale al dire che il resto non conta.

Forse nemmeno la magistratura si è fidata, visto che ha aperto un’inchiesta sulle dichiarazioni rilasciate da Beppe Grillo e Alessandro Di Battista sul caso Cassimatis.

Il Sostituto Procuratore della Repubblica, Walter Cotugno, ha fiduciosamente aperto un fascicolo, e nei prossimi giorni i due esponenti 5 Stelle saranno ascoltati.

In particolare la dichiarazione incriminata di Grillo sul suo blog, sarebbe questa: “Cassimatis ha ripetutamente e continuativamente danneggiato l’immagine del Movimento 5 Stelle, dileggiando, attaccando e denigrando i portavoce e altri iscritti, condividendo pubblicamente i contenuti e la linea dei fuoriusciti dal Movimento”. 

Verrebbe da dire: e ve ne siete accorti adesso, dopo che è stata eletta?

Oltre alla querela, la battagliera Cassimatis ha anche presentato un ricordo d’urgenza al Tribunale civile di Genova, attraverso il quale si chiede l’annullamento della nomina di Luca Pirondini, eletto successivamente al suo posto.

In caso di accoglimento del ricorso, il movimento genovese potrebbe finire fuori dai giochi delle amministrative di Genova.

Eleonora Gitto
Giornalista pubblicista, collabora al portale fornendo agli utenti e lettori, una panoramica delle notizie legate al mondo della politica italiana ed internazionale. Cura anche la sezione dedicata all'attualità, notizie quotidianamente aggiornate sui principali avvenimenti mondiali e nazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *